Salta la Navigazione

Lingua:

English
Français
عربى
Español

Italiano

Links:

Homepage La Mia Visita(Versione Completa) La Mia Collezione(Versione Completa) Cerca Glossario Aiuto Versione Completa

I partners di Egitto Eterno:

SCA CultNat IBM Corporation Riguardo a Egitto Eterno Condizioni d'uso Contattaci
Monete nell'Egitto greco-romano.
Invia quest'Articolo a un Amico Aggiungi quest'Articolo a La Mia Collezione
Riguardo a quest'Articolo

Alcuni documenti su papiro ritrovati in Egitto attestano l'esistenza di monete coniate nelle città egiziane alla fine del V secolo a.C. Queste monete portavano delle iscrizioni in aramaico, la lingua usata nel sistema amministrativo del paese.

Con la nascita della città di Alessandria, furono battute monete di diverso valore usando vari tipi di materiale. C'erano monete d'oro, d'argento e di bronzo.
L'oro veniva estratto dalle miniere del Deserto Orientale, l'argento proveniva da Cipro. Le monete di rame non erano molto usate mentre le monete di bronzo si distinguevano per il loro peso e la loro dimensione. Le monete battute in Egitto venivano controllate dal re.

Le monete tolemaiche riportavano sul dritto (o recto) la testa del loro fondatore, Tolomeo I o Sotero. Sul rovescio (o verso) c'era la rappresentazione tradizionale del principale dio della città, l'aquila associata al dio Giove. Tutti e due presentavano il motivo greco appartenente al re tolemaico.

La produzione della moneta con l'effige di Tolomeo I continuò fino alla fine della dinastia tolemaica, anche se le caratteristiche mutarono da periodo a periodo, molto probabilmente nel tentativo di soddisfare il re che regnava nel momento in cui la moneta veniva battuta. Altre monete portavano le effigi dei re tolemaici, a partire dal regno di Tolomeo II o Filadelfo.

Le rappresentazioni delle divinità greche erano fuse nell'iconografia delle monete. Tolomeo III o Evergete, per esempio, fu rappresentato mentre reggeva il tridente di Poseidone, dio del mare, portava sulla testa la corona di raggi di Elio, il dio sole.

Le monete tolemaiche con la rappresentazione delle regine appartenenti alla stessa famiglia venivano battute quando erano ancora in vita o subito dopo la loro morte. Tra le monete d'oro più famose ricordiamo quelle decorate con la testa di Arsinoe II, moglie di Tolomeo II, che porta la corona sulla testa. Il rovescio mostra la doppia cornucopia.

Torna su