Salta la Navigazione

Lingua:

English
Français
عربى
Español

Italiano

Links:

Homepage La Mia Visita(Versione Completa) La Mia Collezione(Versione Completa) Cerca Glossario Aiuto Versione Completa

I partners di Egitto Eterno:

SCA CultNat IBM Corporation Riguardo a Egitto Eterno Condizioni d'uso Contattaci
Siti e Musei
Invia a un Amico Aggiungi alla Mia Collezione
La Biblioteca Nazionale e gli Archivi.
Riguardo a La Biblioteca Nazionale e gli Archivi.

La Biblioteca Nazionale e gli Archivi fu istituita con un decreto del 1286 dell’Egira (1870 d.C.) su iniziativa di Ali Pascià Mubarak. Proprio grazie a quel decreto, la Biblioteca del Khedivè egiziano occupò il primo piano del palazzo del principe Mustafa Fadel, il fratello del Khedivè, a Darb Al Gamamiz.
La biblioteca nacque con lo scopo di "raccogliere i manoscritti preziosi e di maggiore rilevanza conservati dai sultani, dai principi, dagli studiosi e dagli scrittori delle moschee, delle tombe e delle istituzioni del sapere".

Visto che la Biblioteca cresceva, il palazzo non era più idoneo ad una collezione sempre più vasta per cui fu trovata una nuova collocazione in piazza Bab El Khalq: al piano terra di un unico edificio fu collocato il Museo di Arte Islamica mentre il primo e il secondo piano furono dedicati alla Biblioteca de Khedivè e alla Casa (Dar) delle Antichità Arabe. La Biblioteca fu trasferita in un nuovo edificio nel 1903 e fu inaugurata ufficialmente all’inizio dell’anno seguente.

Ben presto anche questo edificio si riempì con una collezione che aumentava giorno dopo giorno fu posata la prima pietra di un nuovo edificio a Ramlet Boulak, che divenne la sede ufficiale che si affaccia sul Nilo. Il trasferimento nel nuovo edificio ebbe inizio nel 1973 ma l’apertura ufficiale avvenne quattro anni più tardi, ossia nel 1977.

Il nuovo sviluppo della Biblioteca fu caratterizzato da nuovi sistemi informatici relativi alla lettura, ai manoscritti e alle sale dei documenti. Il moderno sistema permette all’utente di accedere alle grande collezione della Biblioteca che comprende oltre 57.000 manoscritti e documenti tra i più preziosi del mondo. La collezione di manoscritti copre un vasto numero di argomeni, pienamente documentati, datati e compilati. Questa collezione ospita, inoltre, un gran numero di papiri arabi molto rari, inclusi i 3.000 papiri scoperti a Kom Ashqow, nell’Alto Egitto. Questi papiri fanno riferimento a contratti di matrimonio e di affitto, ai contratti di scambi, a rapporti e ad altri articoli. Il gruppo di papiri più antichi risale all’anno 87 dell’Egira (705 d.C.), e tra questi ne sono stati pubblicati solo 444. Nella Biblioteca si può trovare anche un’ottima collezione di documenti ufficiali che riguardano atti di dotazione e rapporti di diversi ministeri e tribunali nei più svariati settori, dall’archeologia alla storia.

Immagini disponibili

Immagine

(28 KB)

Da questo Museo:
No se encuentra disponible la traducción.
No se encuentra disponible la traducción.
La traduzione non è disponibile.
La traduzione non è disponibile.
No se encuentra disponible la traducción.
La traduzione non è disponibile.
La traduzione non è disponibile.
Visualizza tutto
Torna su